Email degli Ex-Dipendenti – Obbligatoria la chiusura e la notifica

Inutile parlarne, quanti di noi negli ultimi anni hanno cambiato datore di lavoro?

Che sia per motivi di Crisi o di Opportunità può capitare di cambiare maglia, in questi casi per tutelare la Privacy dell’ ex-dipendente il datore di lavoro ha i seguenti OBBLIGHI:

– Chiusura della mail aziendale SENZA inoltro automatico ad altro account;

– Comunicazione ad eventuali terzi (e magari all’ex-lavoratore) della dismissione dell’indirizzo di posta elettronica;

– Segnalazione di un account aziendale alternativo al contatto utilizzato fino a quel momento.

In caso contrario, ovvero qualora il datore di lavoro mantenga in essere le email di lavoratori non più alle proprie dipendenze, magari inoltrando su altro account la corrispondenza, ad essere violato è il Codice della Privacy.

Il Codice della Privacy VIETA inoltre il mantenimento in essere di account di posta elettronica a nome di un lavoratore cessato con l’inoltro automatico dei messaggi ricevuti verso la casella di un altro dipendente in servizio. A precisarlo è stato proprio il Garante per la protezione dei dati personali con provvedimento 450/2015.

Sembra chiaro vero? Ciò nonostante sono numerose le aziende che “dimenticano” di osservare queste istruzioni, per fortuna le bugie hanno le gambe corte e spesso è sufficiente inoltrare una mail informale all’ex datore di lavoro chiedendo la chiusura della mail aziendale.

Per tutti gli altri casi c’è sempre il garante per la privacy – http://www.garanteprivacy.it/ – al quale chiedere aiuto.

E a voi è mai capitato?


Grazie per aver letto l’articolo! Se sei interessato al GDPR e alle realtà industriali che progettano è producono su commessa, ti consiglio i miei testi “Il GDPR è un gioco da ragazzi” e “Engineering To Order” . I testi contengono una grande quantità di modelli e approfondimenti che sono sicuro ti saranno utili.

Li puoi trovare su Amazon e sono disponibili per Kindle Unlimited 

Registrati ad Amazon Business (e ottieni un codice sconto del 20%) e Amazon Prime