Hannes, la mano robot mossa dal pensiero

Inail e Istituto Italiano di Tecnolofia (IIT) hanno dato vita ad Hannes, la mano robotica messa in moto dal pensiero. Con un investimento di oltre 7 milioni di euro, il nuovo gioiello sarà dotato di biosensori e tanta intelligenza artificiale.

Una mano protesica poliarticolata progettata coinvolgendo oltre 50 persone divise in focus group per meglio identificare le esigenze dei futuri utilizzatori. Tutte le informazioni sono state condivise in seguito con i team tecnici, costituiti da ingegneri, medici e ricercatori. Il processo è stato iterato fino alla definizione del prototipo.

l progetto è stato sviluppato da Rehab Technologies, laboratorio nato nel 2013 per volontà congiunta di Iit e Inail ed è un omaggio al professor Johannes Schmidl, scomparso nel 1996 e direttore tecnico del Centro protesi Inail di Budrio, padre putativo della prima protesi mioelettrica che risale al 1965.

Tra i punti di contatto di protesi e arto sono stati sistemati dei sensori che capteranno gli impulsi della contrazione muscolare e controlleranno il movimento senza la necessità di alcun intervento chirurgico invasivo. Il sistema di controllo è detto mioelettrico e permetterà al paziente di attivare la mano semplicemente pensando al movimento.

La nuova protesi sarà in grado di restituire al pazienze circa il 90% della funzionalità grazie alla tecnologia Dynamic Adaptive Grasp (DAG) che permette di afferrare gli oggetti in modo fluido. L’uso di un solo motore a consumo ridotto darà alla protesi l’autonomia di una giornata.

Hannes avrà inoltre tutte e cinque le dita a differenza della attuali protesi fornite dal sistema sanitario nazionale che prevedono solo tre dita.

Quest’ultimo aspetto è secondo me importantissimo da un punto di vista sociale oltre che funzionale.

Vi consiglio di dare una occhiata al video qui 

Il costo finale dovrebbe essere di poco superiore ai 10.000€ ma il sicuro successo darà luogo ad economie di scala che permetteranno di rendere accessibile a tutti la soluzione.


Grazie per aver letto l’articolo! Se sei interessato al GDPR e alle realtà industriali che progettano è producono su commessa, ti consiglio i miei testi “Il GDPR è un gioco da ragazzi” e “Engineering To Order” . I testi contengono una grande quantità di modelli e approfondimenti che sono sicuro ti saranno utili.

Li puoi trovare su Amazon e sono disponibili per Kindle Unlimited 

Registrati ad Amazon Business (e ottieni un codice sconto del 20%) e Amazon Prime