iPad e Apple Pencil, le migliori app per prendere appunti

Finalmente mamma Apple sbaraglia il mercato offrendo il nuovo Ipad ad un prezzo imbattibile e compatibile con la Apple Pencil. Nessuna scusa quindi, siete pronti ad abbandonare il vecchio manager block?

App Store è pieno di app per chi ama prendere appunti, ecco alcune delle mie preferite.

Apple notes – La migliore gratuita

Se vuoi iniziare a scrivere su Ipad con una Apple Pencil, non c’è posto migliore dove cominciare della applicazione ufficiale Apple Note. Non è esattamente una app piena di funzionalità, non puoi per esempio modificare la dimensione del tratto, usare evidenziatori e altri tool. Tutto ciò che puoi fare è scegliere il tipo di carta, bianca, a linee o a quadretti e il colore del tratto, Nerò, blu, verde, giallo o rosso.

Note si fa presto perdonare la mancanza di funzioni avanzate, Apple ha progettato  la app pensando a iPad, per questo motivo puoi iniziare a scrivere una nuova nota a mano libera semplicemente toccando con Apple Pencil lo schermo del tuo iPad quando è bloccato.

Anche lo strumento per selezionare è impressionante, il migliore mai provato. Note seleziona precisamente la linea di testo desiderata, anche quando sovrapposta ad altre linee di testo magari per aver preso appunti troppo in fretta. Sembra magia.

La sincronizzazione iCloud tra tutti i dispositivi iOS è comoda, ma ad essere onesti bisogna dire che Apple ha fatto davvero il minimo dispensabile.

Per vedere veramente cosa è capace di fare Apple Pencil occorre provare altre app e spendere qualche euro.

Notability – La più versatile

Notability è probabilmente la app maggiormente degna di nota fra quelle compatibili con Apple Pencil, per molte buone ragioni.

Prima di spendere soldi per qualsiasi altra app compatibile con la scrittura a mano libera, considera seriamente di spendere una decina di euro per Notability. Non solo ti permetterà di fare praticamente qualsiasi cosa come annotare  PDF ma sarà in grado di regalarti la migliore esperienza di scrittura a mano libera di tutto l’app store. Il tratto è fluido e preciso, dovrai concentrarti solo sulla scrittura.

È possibile scegliere tra nove stili di carta, con righe o senza, oltre a 15 colori differenti. È semplice importare PDF e siti ed evidenziarli come se fossero su carta. Puoi registrare appunti audio mentre scrivi e puoi quindi ascoltare esattamente cosa si stava dicendo quando hai scritto la nota (per gli studenti è fantastico).

Il supporto iCloud  di Notability lavora egregiamente, puoi facilmente  scrivere note su iPad e leggerle sulla app per Mac in un secondo momento (venduta separatamente).

La barra degli strumenti di Notability è più completa di quella di Notes. Potrebbe essere fonte di confusione a prima vista, se non fosse per il  tutorial incredibilmente utile in bundle al momento del lancio, che ti guida attraverso quasi tutti gli strumenti e le funzionalità della app.

GoodNotes 4– il migliore per organizzarsi

GoodNotes non è intuitivo come Notability ma offre molte opzioni simili anche se non permette di registrare audio.

Puoi facilmente creare forme come un triangolo, una circonferenza o un rettangolo. Semplicemente clicca sull’apposito menu, abbozza la forma con la tua Apple Pencil e GoodNotes automaticamente la convertirà in una geometria perfetta. Non riesce a convertire le note scritte a mano in dattiloscritte come altre app ma la sua ricerca è abbastanza buona da permetterti di ricercare una specifica parola fra le tue note.

Hai bisogno di annotare qualcosa fra due righe, utilizza la lente di ingrandimento, una utile finestra  rettangolare che ti permette di lavorare senza la necessità di pinzare lo schermo. GoodNotes fa inoltre un ottimo lavoro quando si tratta di organizzare le note in base al soggetto rispetto a Notability, siccome  permette di separare i note books per ogni progetto, ognuna con la sua copertina.

GoodNotes ti permette quindi di scrivere a mano libera come se fosse un bloc-notes reale, per questo motivo non è facile scorrere tra pagine multiple così come scorrer la pagina quando scrivi in modo continuativo. Al pari di un foglio reale, sei legato alle sue dimensioni e puoi solo voltare pagina, una restrizione che si fa un po’ sentire sugli iPad di dimensioni meno generose.

Myscript Nebo– la migliore per la conversione del testo

Siamo ancora molto lontani dal giorno in cui la tecnologia potrà tradurre i geroglifici del tuo medito in un elegante Arial corpo 12, ma MyScript Nebo ci ricorda che ci siamo molto vicini. È la migliore per la conversione del testo siccome trasforma le tue note scritte a mano in qualcosa che puoi inviare via mail con un paio di tap. Puoi anche vedere una anteprima in modo da correggere eventuali errori prima della conversione definitiva.

Tieni solo a mente che la conversione del testo non è sempre affidabilissima, i migliori risultati si ottengono scrivendo lentamente, aspetto che potrebbe diminuire l’appeal di Nebo.

Microsoft OneNote – la migliore per la collaborazione

Da quando ho abbandonato Evernote, sono un grande utilizzatore di OneNote, finalmente compatibile non solo con iOS e MacOS ma anche con Apple Pencil.

Per utilizzarla occorre un account Microsoft, non un grosso problema se possiedi un vecchio account Hotmail. Assomiglia per certi versi a Note di Apple ma con la possibilità di modificare la dimensione del tratto e il colore.

Una delle caratteristiche che mi piace di più è la grande dimensione delle pagine. Per me utilissima quando per esempio devo tradurre del testo oppure annotare diverse riunioni nell’ambito dello stesso progetto. Puoi affiancare testo, inserire foto, ideale per mappe mentali o brainstorming.

Questa caratteristica comodissima impedisce però di convertire i documenti in PDF a differenza delle altre app prese in considerazione.

Come bonus, l’integrazione di OneNote con la suite Office rende davvero semplice la collaborazione fra amici e colleghi in possesso di un acconti Microsoft.

WriteOn Notes Plus – Il migliore uso della carta digitale

Note Plus offre l’esperienza di scrittura meno piacevole di tutte le app qui elencate ma merita una menzione siccome nessuna altra app “capisce” la scrittura su iPad come lei.

Anche qui come in Notability manca la possibilità di voltare pagina per iniziare a scrivere su un altro foglio, ma puoi scorrere la pagina verso il basso poggiando il polso in un angolo. Se hai bisogno di cancellare qualcosa non devi selezionare nessun tool, ti basterà strofinare sulla parola per farla scomparire. Non hai neanche bisogno di un tool di selezione siccome Notes Plus seleziona automaticamente il testo quando disegni un cerchio attorno ad esso. Come GoodNotes ha una efficace lente di ingrandimento e la capacità di convertire il testo a mano libera, anche se non efficace come MyScript Nebo.

Sarebbe probabilmente perfetta se non fosse per le performance in scrittura, poco piacevole. Sembra appiccicoso soprattutto quando si usa la penna stilografica.

Il più delle volte mi sono ritrovato a lavorare con le impostazioni di penna a sfera, anche modificando le opzioni, Notes Plus non offre ancora un’esperienza di scrittura soddisfacente come praticamente ogni altra app.

In ogni caso credo valga la pena tenerla d’occhio per il futuro.

E voi quale app preferite?


Grazie per aver letto l’articolo! Se sei interessato al GDPR e alle realtà industriali che progettano è producono su commessa, ti consiglio i miei testi “Il GDPR è un gioco da ragazzi” e “Engineering To Order” . I testi contengono una grande quantità di modelli e approfondimenti che sono sicuro ti saranno utili.

Li puoi trovare su Amazon e sono disponibili per Kindle Unlimited 

Registrati ad Amazon Business (e ottieni un codice sconto del 20%) e Amazon Prime