Browser Isolation – Come allontanare (fisicamente) la tua società da malware e virus

La stragrande maggioranza degli attacchi informatici inizia con la navigazione web e interessa direttamente gli utenti nel corso della loro routine quotidiana.

Secondo la Gartner, oltre il 98% degli attacchi proviene dalla rete pubblica e di questi, l’80% avviene tramite browser.

Il tema è serio per tutte le aziende, soprattutto quelle che permettono ai dipendenti la navigazione libera e la consultazione delle webmail personali.

I tool attualmente utilizzati come gli anti virus, i firewall ecc., sembrano quindi non sufficienti a garantire un livello di protezione adeguato.

I dati parlano di una tendenza allarmante che vede un incremento degli attacchi tramite browser di oltre il 250% nel 2017.

La soluzione che sta prendendo ultimamente piede, adottata da molte aziende, è isolare i browser, in accordo a quanto suggerito da numerose realtà come la Gartner che raccomanda questa soluzione in quanto sembra essere la più efficace.

I browser dei terminali aziendali (e tutte le attività svolte attraverso di essi) non devono per forza essere connessi al network interno e alla infrastruttura aziendale.

Approfondiamo il tema.

Browser Isolation – Cos’è?

La Browser Isolation è l’arte di isolare fisicamente il browser dal tuo computer, isolando quindi tutti i possibili attacchi browser based come malware e ransomware.

L’obiettivo è raggiunto collocando un “vuoto d’aria” tra il browser e il pc, creando una barriera fisica che non può essere superata dai malware.

L’isolamento fisico dei browser permette alle società di eliminare una grande quantità di attacchi (sia “infiltration” che exfiltration”), migliorando con un approccio proattivo la cybersecurity.

Questo ultimo aspetto potrebbe essere molto interessante in relazione al GDPR, che come sappiamo impone al titolare dei dati un approccio proattivo al fine di tutelare la sicurezza dei dati personali.

La Browser Isolation può essere ottenuta in tanti modi abbastanza semplici come quello di usare una Virtual Machine sul tuo PC oppure accedere in remoto con un servizio cloud.

Remote Browsing – Di cosa si tratta?

Il Remote Browsing è di fatto esattamente la stessa cose della Browser Isolation, la differenze è che con il Remote Browsing non devi ospitare nessun Browser Isolation Server a casa tua, riducendo ulteriormente i rischi di attacco.

Parliamo quindi di un servizio remoto a pagamento che permette di accedere alla rete tramite un browser dedicato in cloud, come ad esempio webgap.

I rischi sono quindi “a carico” del server sul quale è installato il web browser, isolando il tuo ambiente. Gli utenti accedono al browser cloud navigando normalmente ma senza essere esposti a pericoli.

Nei prossimi aggiornamenti proverò a fornire un elenco dei remote browser e dei servizi attualmente sul mercato. Il consiglio della Gartner è quello di approcciare velocemente a queste soluzioni per ridurre significativamente il numero di attacchi.

Voi cosa ne pensate? Avete già provato una soluzione di questo tipo?


Grazie per aver letto l’articolo! Se sei interessato al GDPR e alle realtà industriali che progettano è producono su commessa, ti consiglio i miei testi “Il GDPR è un gioco da ragazzi” e “Engineering To Order” . I testi contengono una grande quantità di modelli e approfondimenti che sono sicuro ti saranno utili.

Li puoi trovare su Amazon e sono disponibili per Kindle Unlimited 

Registrati ad Amazon Business (e ottieni un codice sconto del 20%) e Amazon Prime